Nest: il termostato intelligente, che ti fa risparmiare energia in modo brillante.

Nest: il termostato intelligente, che ti fa risparmiare energia in modo brillante.

Nest è un termostato intelligente e di design che sta spopolando soprattutto negli USA e che, utilizzando la tecnologia IoT, dal 2011 ha già fatto risparmiare 4 milioni di KWh a migliaia di famiglie.

A vederlo appeso al muro di casa, non sembrerebbe nemmeno un termostato, perché si presenta come una specie di piccolo orologio da muro con display illuminato dalla linea sottile ed elegante.

Chi lo ha sviluppato si è basato su una semplice constatazione: l’energia consumata per scaldare e raffreddare casa è superiore a tutta quella utilizzata da elettrodomestici e apparecchiature varie messi insieme, quindi, il modo migliore per incidere sul consumo di energia è regolare in modo intelligente il riscaldamento.
E ci sono riusciti: studi indipendenti dimostrano che fa risparmiare il 10-12% sul riscaldamento e il 15% sul raffreddamento di casa, per un totale di circa il 25% di risparmio sul consumo di energia totale.

E quindi, come funziona? Quali sono i suoi punti forti?

1. Impara dalle tue abitudini

Nest in ambiente domesticoNest viene installato senza troppe complicazioni al posto del vecchio termostato, l’operazione dovrebbe richiedere poco più di mezz’ora, e a tal proposito il sito ufficiale fornisce video, istruzioni e assistenza per installarlo autonomamente.

Una volta entrato in funzione, inizia a memorizzare le abitudini della casa: dovrai regolarlo solo per la prima settimana.

Ad esempio, se abbassi la temperatura verso le 10 di sera, Nest ricorderà che solitamente vai a dormire a quell’ora, e quando rialzerai la temperatura la mattina presto, memorizzerà l’ora in cui ti svegli, per farti trovare, il giorno dopo, la temperatura ideale senza che tu lo regoli in alcun modo.

In questo modo avrai un ambiente fresco di notte e un bel calduccio mentre fai colazione. Semplice.

Nest abbassa la temperatura anche quando tutti sono fuori casa, per farlo, utilizza i sensori installati al suo interno ma anche la geo localizzazione degli smartphone di casa.

2. Controllo remoto

Con l’applicazione Nest App puoi tenere sotto Nest Appcontrollo la temperatura anche quando sei fuori casa, ad esempio, se tu sei a lavoro e i bambini devono tornare a casa da scuola in anticipo, puoi alzare la temperatura direttamente dallo smartphone, per farli trovare un ambiente accogliente al loro ritorno.

L’applicazione segna in quali giorni utilizzi più energia, nella sezione” Energy History” e un grafico con il consumo mensile in “Month Report”.

3. Farsight e design accattivante

natura morta con Nest e stella marinaPer non farsi mancare nulla Nest è disegnato per inserirsi tra l’arredamento domestico senza essere di meno ai tuoi standard di design, e grazie alla tecnologia Farsight, il suo display si illumina quando entri nella stanza, mostrandoti i gradi di temperatura in casa. Se non vi piace, potente anche impostarlo in modo che visualizzi un orologio analogico o digitale, nel colore che volete.

 

4. Incentiva il risparmioNest in ambiente domestico 2

Da bravo termostato responsabile ti premia se abbassi di qualche grado la temperatura per limitare ancora di più il consumo energetico. Sulla base delle tue impostazioni abitudinarie (varia quindi da famiglia a famiglia) fa apparire una piccola foglia verde sullo schermo che premia il tuo sforzo di essere ancora un po’ più ecologico.

Per finire, Nest “dà un’occhiata” anche a tutto il resto degli elettrodomestici: notifica sullo smartphone se la caldaia si sta surriscaldando o se ci sono danni alle tubature.

Guarda il video di presentazione

 

Oppure se ti interessa o se vuoi saperne di più questo è il link per il Sito ufficiale del termostato Nest

 

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Condividi

Condividi con i tuoi amici!